Realizzazione di un tasto telegrafico verticale con materiali di recupero

Per diversi giorni ho cercato sui vari siti di aste online e annunci un qualche tasto verticale a buon prezzo per poter cominciare a fare qualche qso in cw. All’inizio mi sono concentrato sulla ricerca di un paddle a singola o doppia leva, ma visti i prezzi ho cercato un tasto verticale, ma nulla che rientrasse nel budget.

Frequentando la sezione ed in particolare Michele iz2fme ho cominciato a ragionare sull’idea di costruirlo da me. Preso dalla voglia di cominciare i lavori ho cercato nei vari contenitori tutto ciò che potesse essere utile alla costruzione et voilà, trovati 6 cuscinetti a sfera e due giunzioni in alluminio spesso 5mm provenienti da una libreria a nastro smontata diversi anni prima insieme a Roberto M. un caro amico ed ex collega di lavoro

Interno di una tape library della StorageTek modello 9300

Il progetto al quale mi sono ispirato è quello dei tasti Kent, quindi, verificato che giunzione e cuscinetto combaciano perfettamente è ora di dare il via ai lavori.

Bene, ora serve qualcosa per costruire la leva vera e propria ed ecco che mi torna alla mente una bacchetta di alluminio 12mmx12mmx100mm che fa proprio al caso mio. stabilita la forma che dovrà a vere a fine lavoro comincio a tagliare e modellare

Forma primitiva della leva del tasto

La leva

Dopo aver stabilito in scala uno a occhio dove fare i fori per i perni di contatto, supporto, regolazione della molla e rotazione, nonché quello per fissare il pomello e fatte le necessarie filettature questo è il risultato

Leva con i fori per le viti di regolazione del contatto, molla e altezza

La leva con i primi fori

Ancora qualche ora di lavoro ed ecco il primo prototipo di tasto verticale funzionante

tasto verticale, prove di assemblaggio

tasto verticale, prove di assemblaggio

 

 

 

 

 

In questa fase non ho prestato molta attenzione alle rifiniture, infatti i tagli e le lavorazioni sono decisamente grossolane ma così mi sto facendo un’idea di come potrebbe venire il tasto verticale una volta finito il lavoro. Ho trovato un bel pomello in ferramenta, molto simile ad un pomello “serio” e più confortevole del precedente.

Fase finale, le rifiniture

Stabilito grossomodo come dovrà essere la parte meccanica, è ora di concentrarsi sulla parte estetica. Prima di tutto occorre una base degna di questo nome. Scavando nel solito garage, ho trovato un pezzo di legno massello (non ricordo il tipo di legno) che fa al caso mio.

Prese le misure e dati i primi colpi di fresa il risultato non è per niente male

 

Per la finitura del legno ho optato per un olio vegetale che ha il pregio di penetrare nelle fibre del legno e lasciare questo più naturale di quanto non faccia una vernice.

Tasto verticale autocostruito

Tasto verticale autocostruito

Sto ancora decidendo come realizzare i collegamenti col cavo per il collegamento alla radio, sono indeciso se collegare il cavo direttamente sotto la base

Tasto verticale autocostruito. parte inferiore

Tasto verticale autocostruito. parte inferiore

o inserire due connettori a vite nella parte superiore.

Tasto verticale autocostruito, diy

Tasto verticale autocostruito, diy

La molla per la trazione della leva in posizione di riposo è stata recuperata dalla serratura di una porta taglia fuoco, mentre i due connettori a vite da un case porta hard disk.

Sono in attesa dei cuscinetti definitivi che mi consentiranno di inserire un perno in acciaio che richiama lo stile della bulloneria utilizzata per le regolazioni. Non appena avrò tutto il materiale procederò a rifinitura ed assemblaggio definitivi….


2 commenti

enzo ik2aoh · 6 Marzo 2018 alle 21:46

Benebravo7+

    iu2glr · 7 Marzo 2018 alle 10:13

    Grazie Enzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *